VITAMINA C Terza Parte


VITAMINA C

RAFFREDDORI E VITAMINA C  Raffreddore
“Dovete prendere della vitamina C per prevenire i raffreddori? Si, certamente.
Dovete prenderne in quantità straordinarie, di molto superiori alla RDA raccomandata? Si, certamente, se volete che la vitamina vi offra effettivamente protezione contro i raffreddori.
E sarà veramente utile a impedire di prendervi dei raffreddori per tutta la durata dell’inverno? Forse si e forse no”
La sicurezza matematica non può esistere, ma il dato di fatto è che coloro che sono fortificati da questa vitamina hanno meno probabilità di passare l’inverno a preoccuparsi del proprio naso otturato o gocciolante.
Dopo una serie di controversie fra componenti della comunità medica internazionale, sull’efficacia o meno di questa vitamina, toccò ad un premio Nobel (Linus Pauling) suggerire l’assunzione giornaliera da 1 a 3 grammi di vitamina C per prevenire in modo efficace le infezioni delle prime vie respiratorie.
La quantità va dalle 17 alle 50 volte le dosi suggerite dalle tabelle RDA, pertanto si tratta sicuramente di un megadosaggio. Pauling affermava inoltre che se questa pratica fosse diffusa in modo generalizzato, si potrebbe debellare il fenomeno del raffreddore nel giro di qualche anno.

LA CHIAVE: DOSI MASSICCE

Dosi massicce

Dosi massicce

I ricercatori e i medici che si sono occupati della vitamina C, hanno sempre preso come punto di riferimento lo scorbuto e le dosi di acido ascorbico per proteggersi da esso. Generalmente per combattere efficacemente questa malattia sonno sufficienti circa 15 mg al giorno di vitamina C.
Le analisi e i controlli ponevano come base la quantità di 200 mg, considerato quindi un sovradosaggio rispetto ai 15 mg necessari contro lo scorbuto. Ma c’è una grande differenza fra la protezione dallo scorbuto e il benessere generale che si può ottenere per mezzo della vitamina C.
Inoltre è opportuno ricordare che, essendo ogni persona diversa, con diversi cicli metabolici, la quantità necessaria è estremamente variabile.
Il dottor Williams, nel corso di un convegno medico tenutosi il 27 aprile del 1967 presso la National Academy of Sciences, ha ribadito che “il fabbisogno di acido ascorbico varia troppo da individuo a individuo per affidarsi a raccomandazioni generali”.
Il dottor Roger Williams, dell’Università del Texas, è stato sempre impegnato nel campo della individualità biochimica ed è stato il primo scienziato che ha identificato e sintetizzato l’acido pantotenico, un composto molto importante facente parte del complesso vitaminico B.
Questo specialista, negli anni di lavoro trascorsi, ebbe anche modo di attaccare certe politiche della FDA che voleva affermare l’inutilità dei supplementi vitaminici per le persone medie.
Il pensiero di Williams, corroborato da numerosi test su cavie di laboratorio,   caviaera che se per questi organismi piuttosto semplici era opportuno differenziare i livelli di acido ascorbico per ottenere miglioramenti nel quadro di salute, per organismi complessi come quelli umani lo è ancora di più.
Esaminando i fatti appare chiaro che non può esserci una risposta universale al quantitativo di vitamina C da assumere per prevenire i raffreddori. Per la maggior parte delle persone 1000 mg al giorno possono essere sufficienti, ma se questi non fossero sufficienti occorre passare immediatamente a maggiori dosaggi.
Non è necessario assumere quantitativi maggiori per volta, ma è opportuno aumentare il numero di assunzioni nel corso della giornata, magari ogni ora o addirittura ogni mezz’ora.  raffreddore_2
Il dottor Pauling nei suoi esperimenti, controllò il quantitativo di vitamina C nei cibi di una dieta media pari a 2500 calorie giornaliere. In 110 cibi e 14 vegetali diversi, riscontrò rispettivamente una presenza di 2,3 grammi nel primo caso e di 9,5 grammi nel secondo. Egli fornì questi calcoli come prove del fatto che già naturalmente, nutrendosi tutti i giorni in modo normale, si assumeva vitamina C in dosi decisamente superiori a quanto raccomandato dalle tabelle della Commissione per gli Alimenti e la Nutrizione.  raffreddore_3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *