VITAMINA D e osteomalacia


Osteomalacia: affezione scheletrica caratterizzata dal rammollimento delle ossa.

Contrariamente a quanto si crede, lo scheletro umano adulto non è una struttura statica; a sua impalcatura è continuamente demolita e “rimodellata” via via che il calcio e altri minerali fluiscono dalle ossa alla corrente sanguigna.

Se la vitamina D è carente nell’organismo, le ossa di recente formazione diventano molli, flessibili e persino deformi.

Se la carenza persiste a lungo, insorge l’osteomalacia.

Questa malattia delle ossa, che è l’equivalente adulto del rachitismo infantile, provoca dolori, fragilità e debolezza muscolare.

Se si lasciano demineralizzare gravemente le ossa, queste diventano soggette a fratture.

Quali sono i primi segnali di questa patologia?

Coloro che d’inverno avvertono maggiormente il freddo e l’oscurità nelle ossa, dovrebbero prestare attenzione ad una eventuale mancanza della vitamina D, la vitamina “solare”.

Alle volte questi sintomi si avvertono anche in estate inoltrata.

È proprio allora che bisogna prendere provvedimenti, cercare il più possibile il sole e i suoi benefici raggi, aumentare il consumo di quei cibi che contengono vitamina D e, se non basta, ricorrere ad un’integrazione specifica.

Uno studio dei dottori C.E.Dent e R.Smith (Medical Digest, settembre 1970) concluse: “L’osteomalacia si può sospettare in qualsiasi paziente che accusi dolori vaghi e generalizzati, e che abbia una dieta irregolare”

I due medici erano giunti a tale conclusione dopo aver esaminato numerosi ammalati di osteomalacia presso l’University College Hospital di Londra.

Una delle diete “irregolari” cui si riferivano, carente di grassi, non è rara nella nostra società così attenta a tenere sotto controllo calorie e lipidi.

Purtroppo l’altra faccia della medaglia è rappresentata proprio dall’osteomalacia , dal momento che la vitamina D si assorbe quasi esclusivamente con oli e grassi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.