VITAMINE GRUPPO B: TIAMINA e i NERVI


 

Come abbiamo avuto modo di vedere, la tiamina è una vitamina del gruppo B essenziale per il nostro sistema nervoso. appunti-di-anatomia-sistema-nervoso_1f1d2a52cb96b04ed4f3ee46a88cfa07

In un articolo comparso nella primavera del 1975 sul Journal of Applied Nutrition, veniva evidenziato il fatto che una carenza di tiamina poteva provocare una disfunzione del sistema nervoso centrale, una degenerazione dei nervi periferici e mutamenti strutturali dei nervi intramuscolari.

La tiamina gioca un ruolo fondamentale nei processi enzimatici che forniscono l’energia ai nervi e al cervello, e anche per la formazione dell’acetilcolina, una sostanza che opera nella trasmissione degli impulsi cerebrali.

Cuore-stancoIl beri beri, di cui abbiamo accennato e che è la conseguenza più eclatante della carenza di vitamina B1, è essenzialmente una malattia neurologica, chiamata anche polineurite, che colpisce prima di tutto gli arti inferiori e poi via via il resto del corpo, in ultimo il muscolo cardiaco che, per il troppo lavoro, finisce per cedere.

Un’altra patologia dovuta alla carenza di tiamina, è la Sindrome di Wernicke-Korsakoff che colpisce direttamente il cervello e che determina la demenza.

I sintomi di questa malattia sono uno stato confusionale e la perdita dell’orientamento. In uno stato avanzato si può arrivare alla perdita di coordinamento dei movimenti volontari dell’occhio con una paralisi dei muscoli oculari.

Parliamo ovviamente di grave e consistente carenza di vitamina B1.

Una carenza sintomatica può manifestarsi quando i danni sono già in corso e trattandosi del cervello, possono essere già irreversibili.

La comparsa di lesioni può avvenire quando la carenza conclamata di tiamina è ormai in atto.

Grazie all’evoluzione dei microscopi, oggi è possibile accertare queste lesioni nelle fasi iniziali e si può provvedere in tempo al recupero degli organi compromessi.

Ricordiamo sempre che una buona medicina è la prevenzione, è la consapevolezza del nostro stile di vita, di ciò che assumiamo con la dieta e soprattutto di quello che NON assumiamo.

I sintomi precoci di questa carenza sono spesso confusi con lo stress, uno stato di stanchezza anche psicologica, inappetenza, perdita di peso (questa è rara, visto che siamo una generazione in sovrappeso), irritabilità. VivacitàMentale

Un ulteriore stato è quello in cui compaiono i sintomi di una memorizzazione difettosa e scarsa concentrazione, abbinati a dolori addominali e stipsi.

Nello stadio seguente si presentano formicolii e bruciori alle dita e alla pianta dei piedi, mentre i polpacci incominciano a inflaccidirsi.

Ma la tiamina non è importante solo per la sua carenza. È possibile, grazie ad essa, stimolare le attività mentali.

A tal proposito viene in esempio un esperimento descritto in Diet and Disease (Rodale Books, Emmaus Pennsylvania 1968).

In un orfanotrofio la dottoressa Harrell selezionò due gruppi di ragazzi di età variante fra i 9 e i 19 anni, i gruppi erano molto simili per quanto riguardava età, sesso, peso, livello educativo e capacità mentali. VivacitàMentale1

Al primo gruppo fu data una compressa contenente 2 mg di tiamina al giorno, mentre al gruppo di controllo solo un placebo.

Questo processo durò per un anno e i ragazzi, essendo un “esperimento a doppio cieco”, non erano a conoscenza della tipologia delle compresse che venivano fornite e nemmeno i ricercatori lo erano.

Solo al termine, dopo la raccolta dei dati, la dottoressa Harrell e i colleghi compararono i dati del gruppo sperimentale con quelli del gruppo di controllo, già sottoposti a dei test prima dell’inizio dell’esperimento.

Furono eseguiti test diversi, ognuno elaborato per misurare un dato aspetto di reazione mentale. In tutti i tipi di test, il gruppo sperimentale mostrò un sorprendente miglioramento in paragone al gruppo di controllo. DoubleBlind

La perdouble-blindcentuale di miglioramento andava approssimativamente dal 25% al 32%.

Apparve evidente che le capacità mentali nei ragazzi possono essere accresciute con l’assunzione di supplementi dietetici.

La vivacità mentale significa stabilità emotiva e gusto per la vita.

Questi valori possono essere messi in discussione e minacciati, quando scarseggia l’apporto di tiamina, mentre sono aumentati quando la tiamina viene assimilata in dosi maggiori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *